Des Martin

Erano dieci famiglie in quella piccola frazione sperduta del cuneese, tutte imparentate, come succedeva lassù sui monti, su quelle montagne dure, amate e odiate. Poi, come in tanti altri paesi d’Italia, la fame, la fuga, lo spezzarsi di famiglie e di legami: l’abbandono. Le case che si frantumano, i pascoli senza animali e senza pastori: senza vita.
Poi altri dieci, “des” in piemontese che, in omaggio al cognome più diffuso di quelle valli, prendono il nome Des Martin, acquistano case diroccate e prati silenziosi.
In una manciata d’anni, con tanto lavoro, fanno il miracolo di ridare vita alla frazione Valliera con un’ottica nuova e una vocazione antichissima: produrre il miglior Castelmagno d’alpeggio di sempre.
A giudicare dalla produzione, sempre tutta esaurita, che prende il volo per ogni dove, ci son riusciti. Oggi l’Azienda Agricola Valliera è vivacemente operativa. Produce, offre lavoro, si è costruita una reputazione e continua a puntare in alto.

Castelmagno d’Alpeggio D.O.P.

Denominazione di Origine Protetta

Descrizione

In dote una miscela di oltre quattrocento erbe diverse che si trovano in quei pascoli, dove il vento marino si insinua e si mescola alle folate d’alta quota. Creato per necessità, da chi in alta quota restava isolato dal mondo per lunghi mesi insieme alle vacche da mungere due volte al giorno. Diventato subito nobile e quotato come moneta di scambio. Già sul finire del 1200 il Castelmagno era infatti a registro in transazioni. È un formaggio particolare, normato da disciplinare D.O.P..
La produzione avviene solo nel periodo d’alpeggio tra maggio e ottobre, con lavorazione di latte a crudo, munto in due momenti successivi a sera e all’alba. La denominazione d’alpeggio è vincolata all’uso di pascoli superiori ai 1000 metri. I pascoli Des Martin sono situati al di sopra della borgata di Valliera fra 1600 e 1900 metri di altitudine.
Il processo di caseificazione avviene tutto e soltanto nel caseificio situato nella parte alta della borgata di Valliera: nello stesso gruppo di antiche baite, articolato su più livelli, ci sono delle grotte di pietra scavate nelle cantine in cui il Castelmagno viene messo a maturare e poi a stagionare.

Confezione: Busta sotto vuoto 250 gr (circa)

Unico di Narbona

Descrizione

formaggio a pasta dura con lavorazione a latte crudo e pasta semicotta e pressata. Periodo di produzione: da ottobre a giugno.
Pezzatura media: forme di circa 3,50 Kg.
Stagionatura oltre 365 giorni.

Confezione: Vaso 210 gr

Scopri anche tutti gli altri Partner.

Enzo Boglietti

La Granda Pronta

La Granda Salumi

Antica Dispensa

Langhe Gourmet

Olio Le Torri

Des Martin

Pasticceria Spumiglia

CONTATTACI

Per qualunque informazione non esitare a contattarci. Ti risponderemo nel più breve tempo possibile.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt
0